Automassaggio Energetico e Sonoro

auto_01

Il massaggio, una parola che racchiude un mondo di cui ancora oggi c’è tanto da scoprire. Una tecnica antica quanto l’uomo, affascinante e vasta, pervasa da procedure semplici o più complesse, gradevoli, efficaci, singolari, a volte un po’ bizzarre che si intessono di scienza moderna e arti curative millenarie. Il massaggio è tra le tecniche che mi hanno da sempre attratto e nelle quali ho avuto la fortuna di immergermi con grande passione. Dall’unione di più discipline praticate e insegnate è nato l’automassaggio energetico e sonoro, nel quale il Qi Gong, il massaggio shatzu e linfatico, la stimolazione dei centri energetici, la musicoterapia e la respirazione del “sentire profondo” si fondono grazie ad uno speciale collante: l’Amore.

E proprio l’amore verso te stesso sarà l’elemento che renderà ancor più eclatanti i risultati che otterrai grazie a questa preziosa pratica. È il momento di utilizzare la Dedicazione, l’Intenzione e l’Attenzione verso i “tuoi” organi e il “tuo” corpo. Dedicati a te stesso perché l’amore verso se stessi non andrà mai sprecato.

Potrai eseguire il massaggio sonoro di una parte specifica del corpo durante la relativa lezione del Perfect Shape. In tal caso ti consiglio di praticare la singola tecnica più volte, con un minimo di 7 ripetizioni, intervallando cioè una ripetizione tra un esercizio e l’altro della lezione di Perfect Shape. Oppure potrai godere di una particolare e rigenerante seduta di automassaggio sonoro praticando tutte le tecniche descritte in questo capitolo, ciascuna per tre volte, procedendo come in un percorso attraverso il corpo. Riuscirai comunque ad utilizzare l’automassaggio sonoro in qualunque momento della giornata, a seconda delle tue necessità e delle sensazione che ricevi dal tuo corpo.

Il calore delle mani

Nella mani risiede una gran quantità di energia che spesso disperdiamo a causa di una grande inconsapevolezza delle nostre qualità naturali. Le mani possono creare o distruggere e poiché ciascuno di noi, cosciente o meno, ha la propria vita nelle sue stesse mani bisogna decidere da che parte stare…

Si può apprendere facilmente come usare le mani per produrre calore da utilizzare sul nostro corpo per ottenere un grande beneficio, e questo mi sembra già un buon inizio!

L’utilizzo della voce

auto_02

Le tecniche di automassaggio descritte in questo capitolo possono essere eseguite con o senza l’ausilio della voce. Naturalmente l’esecuzione completa offre risultati migliori. Sappiamo che attraverso la voce possiamo produrre una risonanza vibratoria degli organi interni unfluendo su una migliore funzionalità degli stessi e dei sistemi collegati. Si otterrà quindi un duplice effetto poiché si agisce contemporaneamente dall’esterno, attraverso il calore delle mani, e dall’interno, mediante le vibrazioni della propria voce, provocando così una risonanza degli organi a cui rivolgiamo il massaggio sonoro. In caso di impedimento all’utilizzo della voce è possibile avvalersi dell’automassaggio semplice, ottenendo comunque buoni risultati.

Nell’automassaggio sonoro, dopo aver posizionato le mani come descritto per ciascuna applicazione, faremo uso, durante lente espirazioni, dei suoni prodotti dalle vocali I-E-O-A-U dalla consonante M e delle relative combinazioni. Per ottenere il massimo rendimento da queste applicazioni si usano toni medio-acuti, centrali e medio-gravi, in base alla zona del corpo da trattare. Non spaventarti, non bisogna essere certamente esperti musicisti o cantanti per applicare queste tecniche che in realtà sono molto semplici.

“AmarSi” – Musiche per l’Automassaggio Energetico e la pratica del Perfect Shape

Compositore: Cristiano Corradetti

A supporto di questo lavoro si è strutturato un programma musicale specificamente composto per favorire l’effetto apportato dall’automassaggio con più piani di azione.

I punti cardine delle scelte compositive sono stati:

  1. fornire una “struttura temporale” che guidasse il praticante nell’esecuzione dell’automassaggio, fornendo dei tempi di esecuzione indicativi rapportati ella durata dei brani di volta in volta dedicati alle diverse regioni trattate
  2. apportare un trattamento “vibrazionale” indirizzato alle diverse regioni del corpo, utilizando nella composizione e nell’arrangiamento dei brani le frequenze specifiche di risonanza della parte del corpo trattata
  3. fornire una guida “ritmica” che induca (consapevolmente o no) ad una possibile sincronizzazione del movimento di esecuzione di alcuni esercizi
  4. stimolare un ambiente mentale ed emotivo rilassante, suggerendo di volta in volta le immagini sonore più appropriate alla zona interessata dall’intervento.

Per quanto riguarda il punto 2 in particolare ci si è avvalsi degli studi effettuati in campo da Marie-Louise Aucher nel trattato “L’Homme Sonore” e nel dettaglio della sua mappatura sonora del sistema scheletrico umano.

Per quanto riguarda gli aspetti di intervento sulla sfera emotiva si è seguita una libera interpretazione delle dinamiche di movimento specifiche del massaggio delle diverse regioni del corpo, con particolare attenzione al carattere specifico degli esercizi: rilassante, tonificante, lento, veloce, statico, dinamico.

Per ciò che concerne infine la durata dei brani e l’aspetto ritmico si è preso come riferimento un’esecuzione tipo della sequenza completa di automassaggio , così come effettuata dall’ideatrice Caterina Germani.

La selezione dei brani proposta, per le sue caratteristiche strutturali, può essere utilizzata anche per strutturare una sessione di allenamento di Perfect Shape, in particolare la lezione di mantenimento, della durata di 50 minuti circa.